GARANZIE

Le vostre garanzie
Amalia Gorni è Naturopata ed Educatrice Visiva,
Counselor Olistico Trainer, Professionista disciplinato ai sensi della Legge 4/13
Iscritto al Registro degli Operatori olistici SIAF cod. PI402T-CO
Il professionista SIAF, iscritto nel registro dei Counselor, è tenuto a rispettare una serie di regole fissate dalla sua associazione per permettere al socio di lavorare nella trasparenza e soprattutto nella coerenza e nel rispetto dei diritti della persona con la quale si inizia un lavoro di ricerca personale. La mancata inosservanza di tali regole comporta la piena responsabilità del professionista nei confronti dei singoli utenti con i quali inizia un percorso di sviluppo individuale o di gruppo. Il counselor:
• sa definire quali sono i suoi limiti e le sue potenzialità in ambito di competenze professionali e si attiene solo ed esclusivamente al suo ambito specialistico;
• è tenuto a fornire all’interlocutore informazioni dettagliate sulla sua figura e sul metodo che utilizzerà;
• è tenuto a rispettare la riservatezza, la libertà e l’autonomia del cliente;
• non deve effettuare alcuna tipologia di discriminazione nei confronti del proprio cliente;
• deve rispettare la normativa corrente sul trattamento dei dati sensibili;
• è tenuto a comunicare al proprio interlocutore il compenso per l’attività svolta;
• deve presentare al proprio cliente un documento denominato “consenso informato” nel quale vengono riportati tutti i dettagli del caso (per maggiori informazioni collegarsi al link: http://www.siafitalia.it/servizio-clienti/ )
• è tenuto all’osservanza del segreto professionale, anche in caso di morte del cliente stesso. In caso di lavoro con minori al di sotto dei 14 anni, qualora emergano elementi di sfruttamento e/o violenza, il professionista è tenuto a segnalare la situazione ai genitori (qualora questi non siano coinvolti) oppure all’Autorità Giudiziaria di competenza;
• deve evitare di svolgere un lavoro di ricerca personale con clienti che hanno potuto stabilire una qualsiasi tipologia di relazione con il professionista;
• è tenuto a consegnare tutta la documentazione in suo possesso al cliente che ne faccia esplicita richiesta;
• informa il cliente che può interrompere il rapporto qualora ritenga che sia necessario subordinare il proprio lavoro a consulenze professionali di altri colleghi o di altra natura;
• è tenuto ad aggiornarsi costantemente per permettere all’interlocutore di avere innanzi un professionista riconosciuto a livello formativo.
Le associazioni professionali di cui all’articolo 2 della legge 4/2013 sono chiamate a promuovere forme di garanzia a tutela dell’utente, tra cui l’attivazione di uno sportello di riferimento per il cittadino consumatore, al quale i committenti delle prestazioni professionali possano rivolgersi in caso di contenzioso con i singoli professionisti, ai sensi dell’articolo 27-ter del Codice del consumo, Dlgs 206/2005. La SIAF (Società Italiana Armonizzatori Famigliari) ha già attivato questo servizio per tutti i suoi iscritti. Attraverso l’iscrizione del professionista alla SIAF in questo caso, la clientela potrà contare sull’esistenza di numerosi aspetti di “professionalità” della prestazione. Si potrebbe parlare di una sorta di “bollino blu” per i professionisti facenti parte di un’associazione professionale. 
La legge prevede, inoltre, che varie associazioni possano creare, a livello superiore, per esempio il CEPRAO, Coordinamento Europeo dei Professionisti della Relazione d’Aiuto e Olistici (www.ceprao.eu) di cui SIAF è socia fondatrice e unico riferimento per l’Italia, una loro organizzazione, che dà vita ad altre associazioni, con il fine di rappresentarle per la tutela dei loro interessi anche in sede giudiziaria o qualora il legislatore intervenga ulteriormente in campi di loro interesse.
In ultima analisi, questa serie di associazioni, all’interno delle quali il professionista può essere inserito, fornisce un’autoregolamentazione delle categorie professionali di origine volontaria che garantiscono al professionista una rete di supporto in caso di vertenze con altre categorie o, anche, con i consumatori. Mentre questi ultimi avranno una garanzia consistente sul rispetto dei codici di condotta che i professionisti si impegnano a non violare nel momento in cui si iscrivono alle associazioni. Per approfondimenti, letture, normative contattare la Direzione Amministrativa (segreteria@siafitalia.it)

Informazioni sulla privacy
Gentile Signore/a,

Desideriamo informarLa che il D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 (“Codice in materia di protezione dei dati personali”) prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali.
Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.
Ai sensi dell’articolo 13 del D.lgs. n.196/2003, pertanto, Le forniamo le seguenti informazioni:
1. I dati da Lei forniti verranno trattati per le seguenti finalità: Database Clienti ed Informativa
2. Il trattamento sarà effettuato con le seguenti modalità: Telematica, Informatizzato
3. Il conferimento dei dati è obbligatorio per il riconoscimento e la conoscenza del cliente, e l’eventuale rifiuto di fornire tali dati la mancata prosecuzione del rapporto.
4. I dati non saranno comunicati ad altri soggetti, né saranno oggetto di diffusione
Il trattamento riguarderà anche dati personali rientranti nel novero dei dati “sensibili”, vale a dire dati idonei a rivelare [l’origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l’adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale].
Il trattamento che sarà effettuato su tali dati sensibili, nei limiti indicati dall’Autorizzazione generale del Garante , ha le seguenti finalità: conoscitiva, diagnostica
e sarà effettuato con le seguenti modalità: Telematica, informatizzata
I dati in questione non saranno comunicati ad altri soggetti né saranno oggetto di diffusione
La informiamo che il conferimento di questi dati è facoltativo e l’eventuale rifiuto a fornirli potrebbe comportare la mancata prosecuzione del rapporto.
5. Il titolare del trattamento è: Ambra Caramatti
6. Il responsabile del trattamento è Ambra Caramatti
7. In ogni momento potrà esercitare i Suoi diritti nei confronti del titolare del trattamento, ai sensi dell’art.7 del D.lgs.196/2003, che per Sua comodità riproduciamo integralmente:
Decreto Legislativo n.196/2003,
Art. 7 – Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti
1. L’interessato ha diritto di ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2. L’interessato ha diritto di ottenere l’indicazione:
a) dell’origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell’articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3. L’interessato ha diritto di ottenere:
a) l’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l’attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4. L’interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...